Sommersa dai debiti, pignorano la pensione della figlia disabile.

loading...
CONDIVIDI SU:

Ha 130mila euro di debito con Equitalia Giovanna Fornoni, 57enne madre di tre figlie, che gestisce un bar di Redona, quartiere di Bergamo, ” rilevato quando locali come questo valevano tanto”. La donna si dice disposta a pagare, ma solo quando le verranno restituiti 2.395,89 euro, pignorati da Equitalia dalla pensione di sua figlia Roberta, una ragazza disabile di 26 anni. La sua vicenda è raccontata dal ‘Corriere della Sera’.

“La legge non lo consente, eppure è successo e sa cosa mi hanno risposto quando l’ho segnalato? Di presentare un esposto, il che sappiamo bene cosa significa: non ottenere nulla”, denuncia la signora Giovanna, che spiega di essersi anche rivolta all’Inps: “E la loro spiegazione è stata ancora più assurda. Dicono che Equitalia può farlo perché il bonifico arriva a me e quindi, per loro, non è bloccare la pensione di Roberta, è bloccare il mio conto”.

La donna spiega che nel frattempo una soluzione è stata trovata: “Fare arrivare la pensione in posta. Peccato che questa operazione abbia richiesto un tempo inspiegabilmente lungo. Morale: le è stato tolto anche l’assegno di settembre”. Dopo precedenti esperienze nella gestione di attività commerciali, viene rilevato il bar di Redona, perché “io e mio marito lo vedevamo come un investimento per il futuro delle nostre ragazze”.

Nel bar lavorano dietro al bancone due delle tre figlie, ma anche Roberta ha un suo ruolo, spiega la madre: “Lei si occupa delle pubblic relation. Devo dire che il locale le fa bene. Di mattina frequenta un centro diurno, poi è spesso qui. Ha i suoi clienti preferiti, interagisce con tutti”. Una famiglia di lavoratori, dunque, travolta dalla crisi: “Metto anche qualche errore nostro, ci ha fatto precipitare, nonostante i sacrifici”, conclude la signora Giovanna, che spiega di essere pronta a risolvere il contenzioso con Equitalia: “Pagheremo, ma Roberta no”.

Fonte: direttanews.it

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Commenti

commenti